Shopping a Dubai: in arrivo il rimborso IVA

Fare shopping a Dubai è una delle attività più ricercate e amate da chi visita l’Emirato. D’altronde è più che comprensibile. Nei giganteschi mall della città ci sono proposte di tutti i tipi e per tutte le scarpe: dai grandi brand di moda alle catene più casual. Scarpe, vestiti, borse, abbigliamento sportivo… è davvero impossibile uscire da un centro commerciale senza un sacchetto! Buone notizie in arrivo per tutti gli amanti dello shopping: dal 18 novembre per chi si reca in vacanza a Dubai è possibile richiedere il rimborso dell’IVA sui prodotti acquistati. La novità è frutto del programma governativo che punta a incrementare ulteriormente (come se ce ne fossero pochi!) il flusso di Turisti che ogni anno scegli Dubai come meta per le vacanze. Si chiama Tax Refound for Tourist Scheme e permette di avere indietro l’IVA sugli acquisti, tassa pari al 5% del costo introdotta a inizio 2018.

 

L’obiettivo della Tax Refound for Tourist Scheme

Come ho appena detto, la volontà è quella di incentivare più persone a visitare l’Emirato, affiancando alle bellezze naturali e agli infiniti intrattenimenti, anche un incentivo allo shopping. I commercianti ringraziano, i turisti (in particolare le signore) anche. Oltre 4 mila negozi offriranno la possibilità di ottenere il rimborso IVA. Conservando lo scontrino quindi si potrà avere un considerevole risparmio, visto che da queste parti lo shopping è prevalentemente di lusso. La spesa minima per godere del rimborso è di 250 aed, circa 60 euro.

 

Come ottenere il rimborso

In puro stile Dubai, ottenere il rimborso è semplice: basta presentare il passaporto al momento dell’acquisto in modo che i propri dati vengano caricati all’interno del sistema di spesa. I turisti potranno decidere se ricevere indietro il denaro cash o sulla carta di credito.

 

Shopping a Dubai

Dove fare shopping a Dubai? Beh, le possibilità sono davvero tantissime. I famosissimi Dubai Mall e Mall of Emirates sono tappa obbligatoria: centri commerciali enormi dove all’interno si può trovare proprio di tutto: dai vestiti di marca, all’abbigliamento sportivo, dai giocattoli, ai gioielli, oltre che ristornati, fast-food, sale giochi e persino piste da sci (per chi vuole provare l’ebrezza di calpestare la neve nel deserto). Personalmente, suggerisco di fare un giro anche a City Life, un piccolo quartiere formato da ristoranti, anche etnici) e negozi di media-alta fascia che ha addirittura un sistema di aria condizionata all’aperto. Per chi invece cerca cose tradizionali e caratteristiche di questa parte del mondo è praticamente impossibile non andare a visitare i Souk di Dubai, i ricercatissimi mercati all’aperto. Tra i più gettonati, il mercato delle spezie, dove ci si può far conquistare da aromi e profumi esotici, e quello dell’oro, all’interno del quale si possono fare ottimi affari. Due consigli per chi si reca nei Souk: trattare sempre sul prezzo e occhio alle fregature.

 

Conquista fiscale?

A Dubai l’IVA è stata introdotta a gennaio 2018. I primi dati dicono che praticamente tutti dichiarano, quindi di fatto non c’è evasione fiscale. Credo che questo fatto nasca in parte dall’attitudine generale della multietnica popolazione residente di Dubai a rimanere sempre nella legalità, ma è anche dovuto all’ottima digitalizzazione del sistema fiscale. Certo che non essendoci tasse, la gestione è decisamente semplice, va però riconosciuto che la mentalità del governo si è tradotta in efficienza e vantaggi per tutti. Il rimborso dell’IVA fa contenti i turisti che risparmiando comprano di più e i commercianti che sugli stessi turisti basano buona parte del loro fatturato annuale. Un po’ come è successo per l’acquisto di immobili residenziali, che sono esenti IVA, anche i commercianti vedono rientrare il pericolo di diminuzione delle vendite a causa dell’introduzione della tassa sul valore aggiunto. Il governo dell’Emirato bilancia sempre molto attentamente questo genere di iniziative, per non pesare mai sulle tasche dei consumatori. Fatta questa piccola parentesi, sono sicura che dal 18 novembre lo shopping a Dubai sarà un’attività che occuperà più tempo nelle giornate dei turisti.