SMME: Dubai sempre più HUB internazionale

Seatrade Maritime Middle East (SMME),che si svolgerà presso il World Trade Centerdi Dubai dal 29al 31 ottobre, rafforzerà ulteriormente lo status di Dubai come principale hub marittimo regionale e internazionale. Ogni volta che mi trovo, durante gli eventi o in occasioni lavorative, a descrivere i punti di forza dell’Emirato di Dubai, uno dei principali aspetti che sottolineo, perché ritengo fondamentale per chi cerca nuove opportunità di business in Medioriente, è la posizione geografica. Infatti, basterebbe aprire google maps per accorgersi che Dubai si trova esattamente nel punto in cui si incontrano i mercati occidentali con quelli asiatici e africani. Il governo dell’Emirato ha da sempre lavorato per sfruttare al meglio questa caratteristica attuando politiche molto liberali. Quest’anno il porto merci di Dubai ha superato come numero di transazioni commerciali quello di Hong Kong: un primato storico.

L’SMME di ottobre ha come obiettivo principale migliorare ancora le performance. Per spiegare meglio quello che è il focus dell’evento, riporto le parole di Chris Hayman, presidente di Seatrade:

 

“Più che mai, Dubai è strategicamente posizionata per svolgere un ruolo fondamentale nel continuo progresso e sviluppo dei numerosi aspetti del commercio internazionale e della comunità marittima globale, in particolare nel segmento delle spedizioni. L’edizione di quest’anno incoraggerà nuovamente i professionisti marittimi a fare rete, fare affari, rafforzare e coltivare nuove relazioni all’interno di sessioni di conferenze rilevanti e complete dove si discuteranno i principali temi del settore”.

 

L’evento: Seatrade Maritime Middle East

L’evento è organizzato da UBM, società multinazionale che organizza oltre 300 eventi B2B leader del mercato a livello globale ogni anno. Il suo portafoglio marittimo vanta 10 esposizioni e conferenze globali e tre programmi di premiazione a Londra, Dubai e Hong Kong. È il più grande raduno della regione dei responsabili delle decisioni nel settore marittimo, e attrae ad ogni edizione circa 8000partecipanti provenienti da 90 paesi. Gli imprenditori internazionali utilizzano questa piattaforma per fare affari con armatori, operatori, dirigenti navali, noleggiatori, sovrintendenti, alti dirigenti e altri professionisti del settore coinvolti nell’approvvigionamento di attrezzature e servizi all’interno del settore marittimo, offshore, petrolio e gas, e industrie portuali.

L’agenda dell’edizione 2018 ruoterà intorno alle spedizioni e all’automazione, ai combustibili del futuro, alle tecnologie digitali e cyber e alle sfide ambientali nel settore delle spedizioni. Uno dei punti salienti dell’evento di quest’anno è il dibattito che metterà in luce i punti critici della preparazione dell’industria nell’adozione della tecnologia digitale.

L’SMME 2018 vanta anche una line-up di conferenze unica, che affronterà questioni chiave relative al settore marittimo, con personalità di spessore internazionale che prenderanno parola durante l’evento.

 

Benchmarking del settore

Uno dei momenti clou dell’evento è la consegna dei Seatrade Maritime Awards, che si terranno il 28 ottobre e festeggiano il suo 15 ° anno. Verranno premiati i migliori player del settore marittimo di tutto il Medio Oriente, il subcontinente indiano e l’Africa. Gli awards riuniscono centinaia di importanti leader del settore marittimo e funzionari governativi.

 

Uno sguardo verso il futuro

Solitamente mi pronuncio in previsioni che si basano su delle effettive potenzialità. In questo caso sono i numeri a parlare chiaro. L’Emirato di Dubai oggi rappresenta per gli imprenditori italiani e europei il miglior “canale” per entrare in nuovi mercati che stanno crescendo rapidamente e che sono destinati a diventare molto floridi. Queste sono le occasioni che chi ha interesse nel delocalizzare dovrebbe cogliere al volo: è l’inizio di un processo che ormai si è messo in moto e che cambierà diversi equilibri. Prendere l’iniziativa tra i primi assicura indubbiamente un importante vantaggio competitivo.