Scuola a Dubai: niente più barriere

Nell’universo della scuola a Dubai arriva un’importante novità. Il Dubai Inclusive Education Policy Framework ha da poco annunciato che entro il 2020 le scuole dell’Emirato non potranno più respingere (per legge) le richieste d’iscrizione di studenti con difficoltà d’apprendimento o diversamente abili. Il risultato è stato raggiunto grazie all’azione pratica e incisiva di una Task Force gestita dal Knowledge of Human Developmnent Authority (KHDA). Il cambiamento riguarderà tutti gli istituti privati di Dubai senza eccezione alcuna, dalla scuola materna fino all’università. Credo sia importante dedicare quest’articolo all’argomento in quanto in tutto il mondo sempre più spesso gli istituti scolastici risultano essere impreparati nelle pratiche d’insegnamento a bambini o ragazzi che presentano qualche difficoltà. Quello di Dubai è l’ennesimo messaggio lanciato al mondo per rimarcare l’importanza delle pari opportunità, al di là delle singole capacità.

 

Un chiaro disegno politico

La volontà di spingere il più velocemente possibile a diventare inclusive le scuole a Dubai, ovvero ad essere pronte a poter offrire l’istruzione anche a ragazzi con difficoltà d’apprendimento, nasce dal Dubai Disabilities Strategy, ente fondato per rendere i residenti della città una società unita e coesa, priva di discriminazioni, nella quale i diritti di accesso alle opportunità siano garantiti in egual misura a tutti. Questo quadro generale rappresenta l’intenzione di sostenere l’impegno degli Emirati Arabi Uniti nei confronti della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone diversamente abili (UNCRPD) e quello della legislazione locale per imporre alle scuole l’inclusione di tutti gli studenti, indipendentemente dalle capacità fisiche o mentali. Fatima Belherif, direttore esecutivo del Dubai Inspection Bureau, ha affermato che la politica inclusiva è stata decisa dopo aver ascoltato ben 537 parti interessate tra genitori, bambini con difficoltà di apprendimento e insegnanti. L’obbiettivo è eliminare qualsiasi tipo di ostacolo o barriera dal percorso scolastico dei bambini diversamente abili. Ecco le sue parole:

 

“I bambini diversamente abili non sono malati e noi non siamo dei medici. Noi ci occupiamo d’istruzione e il nostro dovere è che l’istruzione sia accessibile a tutti i giovani in egual misura. Per questo è fondamentale eliminare gli ostacoli sia architettonici sia formativi che oggi rappresentano una porta chiusa. Noi lavoriamo nel sociale per avere una società migliore e equanime.”

 

Gli obblighi di legge

Nell’ambito del quadro politico, tutti gli enti educativi privati del KHDA sono tenuti a trasformare le loro scuole in un ambiente di apprendimento comune che possa ospitare anche studenti con bisogni educativi speciali (SEND). La politica sarà implementata in fasi. Tutta l’educazione privata dovrà essere pienamente inclusiva entro il 2020. Il provvedimento fornisce 10 standard chiave che fungeranno come piano d’azione da seguire per tutte le scuole. Primo su tutti, l’ammissione scolastica non sarà più subordinata alla presentazione di una diagnosi medica. Le scuole dovranno inoltre adeguare le loro attuali strutture per renderle accessibili a tutti in conformità con il Dubai Universal Accessibility Code. Il codice garantisce che tutto, dallo spessore dei corrimani alla grandezza minima dei servizi igienici, sia accessibile alle persone anziane e alle persone con o senza disabilità. Per ultimo ma di certo non meno importante, ogni scuola a Dubai dovrà avere all’interno del proprio organico un numero minimo di Learnign Support Teacher (insegnanti di supporto), ovvero insegnanti specializzati nell’insegnamento a bambini con difficoltà d’apprendimento. Questa è anche una belle dritta per chi tra i lettori del mio blog sta cercando un’opportunità di lavoro a Dubai.

 

Benessere sociale: la mission di Dubai

Ancora una volta il governo dell’Emirato sottolinea con un importante iniziativa che la mission principale delle sue azioni rimane garantire un benessere sociale indiscriminato e diffuso. L’abbattimento di ogni limitazione all’interno della scuola a Dubai non è solo un modo per aiutare i bambini con difficoltà d’apprendimento ad inserirsi nella società ma anche, e soprattutto un importante valore che si trasmette alle generazioni del futuro.