Floating Venice: la Venezia sott’acqua

Floating Venice è l’ultima delle meraviglie messe in cantiere a Dubai. La notizia è freschissima ma ha già fatto il giro del mondo suscitando l’interesse di moltissimi curiosi. In effetti, sembrava impossibile superare ancora una volta il limite dell’immaginabile. Eppure, dopo il parco tematico coperto più grande del mondo (parliamo di 140 mila metri quadrati) e la zip line più lunga del mondo (2,8 chilometri), in procinto di aprire, ecco un altra attrazione che lascerà tutti a bocca aperta. In questo articolo svelerò in anteprima assoluta alcune tra le caratteristiche principali di quella che è già stata ribattezzata “La Venezia sott’acqua”.

 

Un resort subacqueo di lusso ispirato a Venezia.

A inizio 2018 inizieranno i lavori per la realizzazione di Floating Venice, opera del gruppo immobiliare austro-ungherese Kleindienst. Il nastro rosso sarà tagliato nel 2020 in occasione del World Expo. L’Emirato di Dubai ha stanziato qualcosa come 680 milioni di dollari (più o meno 570 milioni di euro) per il primo resort subacqueo di lusso del pianeta. Negozi artigianali, gondole, piazza San Marco e i canali: tutto sarà riprodotto con fedeltà, persino la Festa del Redentore e il Carnevale. A quattro chilometri dalla costa, Floating Venice sarà raggiungibile in barca, elicottero o idrovolante. L’esperienza Veneziana potrà presto essere vissuta a Dubai. La struttura galleggiante, ancorata ai fondali, avrà anche un ponte sottomarino con alloggi, cabine, ristoranti e bar.

 

I numeri di Floating Venice

Floating Venice potrà ospitare fino a 3.000 persone al giorno. Il resort sarà strutturato in 414 cabine (circa metà delle quali saranno immerse sott’acqua) e 12 ristoranti, di cui tre con vista marina sul Golfo Persico. Non mancheranno in superficie discoteche, foreste di coralli, spiagge, piscine e spa. La parte fuori dall’acqua riprodurrà la Serenissima in miniatura: i canali saranno percorribili e porteranno a una riproduzione fedelissima di Piazza San Marco. Voci di corridoio parlano anche della realizzazione della copia della Biennale. Ci saranno però anche dei pezzi originali, infatti le gondole verranno portate direttamente da Venezia. Per quanto riguarda la sicurezza, il gruppo immobiliare ha dichiarato che Floating Venice è progettata per avere una durata minima di 100 anni. 

 

L’esperienza sott’acqua

Dopo aver conquistato la terra con i canali artificiali e diverse incredibili opere di ingegneria civile, il cielo con il Burj Kalifa (e l’imminente arrivo di The Tower, un edificio del quale ancora non è stata dichiarata l’altezza ufficiale, che non avrà paragoni al mondo), il mare con gli atolli artificiali, è arrivato il turno dei fondali degli abissi. Il CEO di Kleindienst ha dichiarato che il progetto nasce dalla volontà di far vivere agli ospiti del resort un’esperienza unica e irripetibile. Il ponte immerso offrirà una vista sulle bellezze dei fondali marini del Golfo, in un’ambientazione unica e suggestiva. L’intera struttura è stata progettata per ricordare Venezia sia nell’architettura che nell’atmosfera.

 

Dubai non smette mai di stupire

Che dire, Floating Venice sarà l’ennesimo buon motivo per visitare Dubai. Vivo nell’Emirato da tempo ormai e posso garantire che non solo ogni anno, ma quasi ogni mese, quando giro in macchina per le strade, noto qualcosa di nuovo, ogni volta spettacolare e assolutamente coinvolgente. Non si sanno ancora i prezzi per alloggiare e soggiornare sulla Venezia sott’acqua, molto probabilmente saranno salatissimi, considerata l’esclusività della location. Tuttavia, come ho scritto sopra, potrà ospitare 3.000 persone, la stragrande maggioranza delle quali non si fermeranno nella struttura alberghiera sottomarina. Mi sembra utile sottolineare questo particolare per mettere in evidenza come a Dubai anche le strutture più lussuose sono accessibili al vasto pubblico, senza distinzione di portafogli. Certo in pochi potranno permettersi una stanza, ma saranno numerosissime le famiglie che porteranno i loro bambini a camminare lungo i canali e a correre nella Piazza San Marco in miniatura.