Aprire una società a Dubai: cos’è la delocalizzazione?

Aprire una società a Dubai è un traguardo che in molti rincorrono. Il panorama dell’economia mondiale è profondamente cambiato grazie alla globalizzazione, un processo che ha letteralmente spalancato le porte dei paesi emergenti (una volta considerati lontani) ai flussi di capitali. La delocalizzazione, insieme all’outsourching di servizi, è diventata una scelta che permette di spostare interi processi produttivi all’estero. Il vantaggio principale è la possibilità di dividere il lavoro e le specializzazioni nei paesi che garantiscono le migliori performance nei singoli aspetti.

 

Dubai è oggi una realtà che offre agli imprenditori, alle aziende italiane ed estere, numerosi vantaggi sia in termini di efficienza della produzione che di costo del lavoro e di pressione fiscale.

Naturalmente, delocalizzare non è un percorso lineare perché è costellato da diversi aspetti da tenere in considerazione. La mission di OustandingLife è facilitare e soprattutto accompagnare step-by-step gli imprenditori che decidono di aprire una società a Dubai, per raggiungere gli obiettivi e realizzare business di successo.

In questo articolo farò una radiografia delle dinamiche, dei vantaggi ma anche dei rischi che bisogna prendere in considerazione per affrontare questa sfida che, per quanto complessa, può portare a risultati straordinari. Ma procediamo con ordine e prima di tutto vediamo insieme che cos’è la delocalizzazione.

 

Aprire una società a Dubai: cosa significa delocalizzare?

La delocalizzazione è la colonna portante del processo di internazionalizzazione di un’azienda. Nei fatti si tratta del trasferimento della produzione di beni e servizi in altri paesi, che presentano vantaggi o previsioni di crescita fortemente attrattivi. Possiamo vederlo come un vero e proprio trasloco all’estero che può essere realizzato sotto diverse forme come, nel nostro caso, aprire una società a Dubai ma anche:

  • Investimenti diretti
  • Join Ventures
  • Outsourching
  • Subforniture
  • Subcontrattazione

Ogni anno aumenta il numero delle imprese straniere, italiane comprese, che scelgono di delocalizzare a Dubai. Bisogna riconoscere che questa situazione è la naturale conseguenza della visione e dell’impegno dello Sceicco Bin Rashid Al Maktoum nell’aprire le braccia non solo agli investitori, imprenditori e lavoratori esteri ma anche all’innovazione e all’approccio multiculturale.

 

Aprire una società a Dubai: i grandi vantaggi

Delocalizzare e aprire una società a Dubai ha degli indiscutibili vantaggi per gli imprenditori, difficili da reperire con la stessa concentrazione ed efficacia in altre economie emergenti del mondo. Per sintetizzare al meglio, penso sia meglio elencarli in modo da dare un’immagine chiara e sintetica:

  • Bassi costi di produzione
  • Manodopera specializzata a basso costo
  • Materie prime nel territorio
  • Mercati locali in forte sviluppo
  • Integrazione verticale nel processo produttivo
  • Potenziali partnership tra competitor
  • Pressione fiscale vantaggiosa
  • Burocrazia semplificata

La lista potrebbe allungarsi di molto. Voglio però dedicare qualche parola ad un altro vantaggio che forse è meno immediato da riconoscere ma che secondo me è il motivo principale del successo di Dubai. Basterebbe parlare con chi vive nell’Emirato per scoprire che la sua vera forza si nasconde nella mentalità. Per quanto sia difficile associare questo concetto ad un paese del Medioriente, per il governo di Dubai gli aspetti più importanti sono la qualità della vita e la filosofia del lavoro. Tutto è creato per migliorare il benessere dei residenti e la solidità delle imprese. Il risultato è una politica totalmente business-oriented, che tutela e protegge lo straniero perché consapevole che le sinergie di capitali, culture diverse e l’innovazione sono la chiave della crescita.

 

Aprire una società a Dubai: parliamo di rischi

Delocalizzare è un processo complicato che deve essere organizzato e ottimizzato in ogni suo aspetto, anche il più piccolo, per evitare il fallimento. Esistono quindi dei grandi rischi per chi vuole aprire una società a Dubai, pericoli che nascono dall’inesperienza, dalla scarsa conoscenza dell’Emirato e dall’affidarsi a partner o consulenti improvvisati. In questi casi ci si scontra con l’altra faccia della medaglia e nascono potenziali problemi:

  • Perdita di controlla della qualità
  • Aumento dei costi logistici
  • Inefficiente trasferimento di know-how
  • Diminuzione della produzione
  • Perdita di produzione nel trasferimento
  • Intoppi burocratici

Aprire una società a Dubai è un’occasione importante per far crescere il business e migliorare le performance di un’azienda ma se gestita male può avere conseguenze molto gravi. Quindi attenzione.

 

Aprire una società a Dubai: quello che gli altri non dicono

L’errore più diffuso commesso da chi sceglie di aprire una società a Dubai?

Sottovalutare l’importanza della quotidianità, della vita di tutti i giorni. Mi spiego meglio. Inutile nasconderselo, le aziende delocalizzano a Dubai essenzialmente per due motivi: riduzione dei costi e le tasse praticamente inesistenti. Infatti le imprese Italiane che hanno delocalizzato a Dubai sono diventate più competitive. Pare ovvio che gli imprenditori che stanno valutando se spostarsi nell’Emirato siano convinti dai numeri e dai conti. Il lavoro di OutstandingLife non si limita agli aspetti strettamente legati al business. Si apre la società, si svolgono le pratiche, si crea il network, si avvia il business con la macchina pronta e il motore caldo. A quel punto però ci si accorge anche di alcune sfumature messi all’inizio in ombra dalle prospettive di successo e nascono delle domande indispensabili:

  • Dove andranno a scuola i miei figli?
  • Come trovo la casa adatte alle mie esigenze?
  • C’è un medico di famiglia?
  • Come posso portare con me il mio inseparabile amico a quattro zampe?
  • Il permesso di soggiorno per la mia famiglia?

Mi occupo di delocalizzazioni ormai da molto tempo e posso assicurare che trovare la risposta a tali domande non è facile, in molti si dimenticano di queste questioni per poi trovarsi a guardare in faccia il problema senza avere le soluzioni.

Per questo motivo per aprire una società a Dubai, per delocalizzare con successo, bisogna affidarsi a partner che sappiano occuparsi di ogni singolo dettaglio, senza trascurare niente, perché per arrivare al successo è necessario che ogni ingranaggio funzioni alla perfezione. OutstandingLife non si vuole occupare solo di business: io per prima so cosa significhi incominciare da zero a Dubai, una nuova vita. Per questo sono convinta che gli imprenditori non abbiano bisogno di semplici consulenti ma piuttosto di una guida esperta, amica, che sia in grado di comprendere tutte le esigenze, anche quelle che di solito non vengono prese inconsiderazione.

La globalizzazione ha reso il mondo più piccolo e Dubai più vicina, OutstandingLife ti guida dal primo passo verso il traguardo del successo.