La macchina volante decolla da Dubai

La macchina volante è la risposta di Dubai per la quotidiana lotta al traffico

Dubai è una città che guarda sempre al futuro oltre ogni immaginazione. Quello che puoi sognare, lo puoi fare! E’ proprio appena rimbalzata la notizia che, per non rimanere bloccati nel traffico di tutti i giorni, da oggi si può pensare di “volare” (non si guiderà!) una macchina.

Anche le “auto senza conducente”, da oggi sono passate di moda, superate, declassate a idee vintage: esattamente come già intuito con Hyperloop (del quale avevo già parlato in un precedente articolo) e come già fatto per numerosi altri settori in cui Dubai ha stabilito un primato mondiale, ora Dubai ha dato pubblicità ad un nuovo modo di muoversi in modalità “driverless”, senza conducente:  si sta realizzando una macchina volante, o Autonomous Aerial Vehicle (questo è il nome con la quale è stata resa nota da RTA Dubai, Road & Transport Authority) per spostarsi evitando il traffico, le code, in completa sicurezza su una “corsia riservata” e libera anche da tutti i segnali “stradali” e dalle insidie delle multe e dei divieti di velocità o di svolta.

RTA ha presentato ufficialmente la sua prima macchina volante nel corso dei tre giorni del Vertice Mondiale che è tenuto a Dubai dal 12 al 14 febbraio.

Prodotta da Ehang, la macchina volante è in effetti un “mini aereo” che vola a bassa quota,  autonomo intelligente ed estremamente eco-friendly che può assistere i pendolari su brevi distanze. Ma, soprattutto: non deve essere guidato!

Per chi ama i numeri: la macchina volante AAV è stata progettata per volare per un massimo di 30 minuti ad una velocità massima di crociera di 160 km / h, la velocità standard è pari a 100 km / h. La velocità ascendente / discendente è di circa 6 metri al secondo e la velocità di atterraggio è 4m / s.

Misura 3,9 m di lunghezza, 4,02 m di larghezza e 1,60 m di altezza. Pesa circa 250 kg e 360 ​​con un passeggero. L’altezza massima di crociera è di 3000 piedi e il tempo di ricarica della batteria è di 1-2 ore. L’AAV è progettata per funzionare in tutte le condizioni climatiche ed è dotata di sensori di alta precisione con una soglia molto basso di errore. Può resistere a forti vibrazioni ed a temperature estreme.

E’ sicuro! La macchina volante è infatti integrata con un sistema di sicurezza, e nel remoto caso di malfunzionamenti dei componenti o di guasti improvvisi, atterra immediatamente nella zona più vicina possibile a ulteriore conferma della sua affidabilità: sono stati adottati i più alti livelli di sicurezza nella progettazione e produzione della macchina volante. Il veicolo è dotato di otto eliche principali, e ciascuna elica opera indipendentemente dalle altre, inoltre i sistemi sono separati dal contenuto del veicolo. Così, in caso si verifichi un guasto nella prima elica, le altre sette eliche sono pronte a completare il volo e garantire un atterraggio morbido.

A chi dovesse nutrire dubbi riguarda alla violazione dei codici dei sistemi di guida della macchina volante va assicurato che la comunicazione è crittografato e ogni veicolo ha la sua chiave indipendente. In qualità di passeggero è necessario interagire con il sistema di navigazione touch screen, e il mezzo può allora prendere il volo per la destinazione desiderata.

La macchina volante, come già detto, rispetta le norme di sicurezza ma, innanzitutto rispetta l’ambiente! E’ stata progettata per funzionare con la tecnologia ad impatto “zero”: è alimentata da energia elettrica e quindi economica facendo risparmiare costi di carburante e di autostrada. Inoltre, potrebbe non essere necessaria una patente per “guidare”  la macchina volante. Ci vuole un solo click per poter decollare e atterrare.

Il veicolo EHANG184 (questo il nome della macchina volante) è dotato di un touchscreen nella parte anteriore del sedile del passeggero, dal quale si potrà avere la visualizzazione di una mappa di tutte le destinazioni sotto forma di punti. I percorsi sono predefiniti ed il “pilota”  ha solo il compito di selezionare la destinazione prevista. Il veicolo farà partire il funzionamento automatico per decollare e manterrà la rotta di crociera verso la destinazione impostata, per terminare con la discesa ed atterrare nell’esatto punto richiesto. Un centro di controllo a terra si incaricherà di monitorare e controllare l’intera operazione.

Mattar Al Tayer, Direttore generale e Presidente del Consiglio di amministrazione di RTA, ha dichiarato: “La corsa di prova del primo AAV è in attuazione delle direttive di Sua Altezza lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro della Emirati Arabi Uniti e governatore di Dubai, per trasformare Dubai nella città più intelligente del mondo.”

Quando verrà autorizzato il primo decollo ufficiale non è ancora stato stabilito (ma si “sussurra” che ciò avverrà entro il prossimo luglio) ma quel momento rappresenterà sicuramente un evento davvero unico per guardare oltre il futuro.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *